Mascherine anti-Covid-19: effetto sulla sicurezza della comunità

La teoria sull’applicazione delle maschere sul posto di lavoro per inibire la trasmissione del CO VID-19 (“Covid Immune Complex”, o CI) sta avanzando rapidamente. In questa revisione della storia, sintetizzo la letteratura appropriata per esaminare le potenziali applicazioni delle maschere in vari settori: materiali pericolosi, trasporto aereo, edilizia, produzione, sanità, automotive, elettrico, lavorazione chimica, servizi alimentari, imballaggio, distribuzione, prodotti farmaceutici e settore pubblico. Discuto le potenziali fonti di esposizione al CO Vid-19, tra cui la respirazione di aria inquinata, il contatto della pelle con superfici contaminate, bere acqua contaminata o attraverso la manipolazione di oggetti contaminati. Concludo esaminando brevemente alcune potenziali sfide future associate alle attuali e future potenziali fonti di contaminazione del CO Vid-19.

Secondo questa analisi, l’uso delle maschere può essere richiesto per molti tipi di lavoro in molte industrie e può comportare un aumento sostanziale della mortalità per malattie come il cancro ai polmoni e la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO). L’analisi indica che l’effetto negativo sulla salute della forza lavoro può superare i benefici della ridotta morbilità e morte prematura causata dall’uso di dispositivi di protezione individuale (DPI). Altri gravi problemi di salute causati dall’esposizione al CO Vid-19 includono la perdita dell’udito, il mal di testa, la sinusite, l’infiammazione della gola e i disturbi del sonno. Le misure precauzionali raccomandate sono l’uso di DPI di alta qualità, compreso l’uso di una maschera approvata, e la formazione di tutto il personale nell’uso sicuro delle maschere. Uno degli aspetti più importanti e necessari quindi che opportuno considerare e valutare con molta attenzione nel momento in cui si va alla ricerca di un certo tipo di maschera per il viso e naturalmente il materiale con cui le maschere sono realizzate e le diverse componenti che vengono utilizzate quindi per realizzare queste maschere facciali chirurgiche che sono usate e indossate per coprire sia la bocca che anche il naso.

Queste leggi si stanno dimostrando economicamente, socialmente e medicalmente vantaggiose per tutti i settori dell’industria sanitaria e ci si aspetta che riducono i costi sanitari e migliorino la sicurezza del posto di lavoro e della comunità. Oltre a rendere obbligatorio l’uso delle maschere, i datori di lavoro sono anche incoraggiati a prendere altre misure che possono ridurre la loro esposizione ai CVC, come eliminare le fonti di inquinamento interno, usare depuratori d’aria o umidificatori, regolare le posizioni di seduta e di sonno, e pulire regolarmente i pavimenti e le attrezzature.

Visita il sito guidamascherine.it per approfondire l’argomento.

About the Author

Related Posts